La nonna Sabella
Home Up Un treno, un'epoca La nonna Sabella Frammenti di cronache Calabuscia Il verro di Baragiano Treno 8017 Treni di Carta Balvano 1944 " FRA CENSURA, OBLIO E MEMORIA : LA TRAGEDIA DEL TRENO 8017" I dimenticati La Galleria delle Armi Senza Ritorno

 

FESTA CAMPANILE, Pasquale, La nonna Sabella, Milano, Bompiani, 1983

Storia d’ambiente e racconto garbatamente ironico della famiglia dell’Autore: al centro delle vicende che la vedono protagonista, dapprima fanciulla caparbiamente schietta poi giovane donna sicura e imprevedibile, è la nonna Sabella.

Tirannica e simulatrice, commediante, straordinariamente vera e ‘fantastica’; estrosa, coinvolgente nel suo irriducibile attaccamento alla vita, sorprendente nella capacità di aderirvi, resta un personaggio che suscita simpatia e che è difficile dimenticare.

(da http://www.osannaedizioni.it/Scheda_120.html)

 
 

Nel romanzo sono riportate ficcanti  descrizioni della vita sui treni dell'epoca. Pasquale Festa Campanile d'altra parte era nato a Melfi nel 1927, non lontano dalla zona dei tragici eventi. 

Trasferitorsi a Roma negli anni della seconda guerra mondiale, si avvicinò presto agli ambienti cinematografici, dove si elaboravano in que-gli anni i capolavori del cinema neorea-lista italiano. Scrittore, sceneggiatore eregista, Pasquale Festa Campanile esordì nel 1957 proprio con il romanzo La nonna Sabella che ottenne il Premio Re degliA ranci e il Premio Corrado Alvaro, e di cui Dino Risi fornì nello stesso anno la versione cinematografica con attori famosi come   Tina Pica, Renato Salvatori, Peppino De Filippo, Sylva Koscina, Paolo Stoppa, Dolores Palumbo.

                            ***

"Le differenze tra scrivere e sceneggiare sono molto forti. Certamente io ho il rimpianto di avere perso molti anni facendo cinema e trascurando la letteratura. Il successo ottenuto da La nonna Sabella - il mio primo romanzo - in un certo senso mi traviò, perché mi catapultò immediatamente nel mondo del cinema e dopo feci una quantità enorme di sceneggiature, a volte con soddisfazione, tanto è vero che vinsi persino tre nastri d’argento, ma certo allontanandomi dal lavoro letterario che era quello che più mi era caro. Difatti per molti anni non scrissi più nessun romanzo e il mio secondo libro uscì dopo ben diciotto anni. (…)
http://www.torinofilmfest.org/ITA/dbonline.php?ID=5899