La Rosa e l'Astrolabio
Home Up La Scatola Cinese A Scigna Schreber il giudice folle Processo alle bestie Doppelganger iudex La scuola dell'estasi CyberCyrano Chat Le allegre comari Scannerebecco Domineddracula Alchimia dell'Avaro Ordalia degli interrati Karoshi Merimanga Lezione d'inglese L'orgia del Terzo Potere La Sposa di Corinto Processo a Caravaggio e Pasolini Suoni e luci di guerra e di pace Apoxiomenos Santa Tecla T-bon steak La figlia di Austin La locanda del maiale Ultima cena Decesso di Carnevale 'A famma 'e Pullecenella L'urlo della scimmia Un pupo per Agrippina Il Tato Gurdjieff La cella di Alessio Che Guevara Alchimia di Rosanera Ugone Templare di Pagani Belzebulling Clarimonde I Dadi di Temi Le streghette di Benevento Piazza Montanara La Rosa e l'Astrolabio Aphra Behn I Frati di Mazzarino Goya,la Quinta del Sordo Ciclo Sterminator Vesevo Miodesopsie Psicomostro Euterpico Grande Stella della Mezzaluna Prosopagnosia Chi so i'? So' Francischiello Erzsebeth Bathory Avanspettacolo d'avanguard Rassegne Calabuscia Listen Elogio della calvizie Incintitudine Al di la' del fiume Processo a Babbo Natale Un Ermafrodita sull'Isola dei Morti Diderot, Polychinelle e Susy Coquette Mummia Drag Queen Shoes La cricca della Banca Romana Addio Tokio Gli amici del rospo Il sogno di Clio Opera Romanesca La casta dei buffoni

 

Frosolone               

 

 LA ROSA E L'ASTROLABIO (VITA, SAPIENZA, MASSACRO E RINASCITA D'IPAZIA ALESSANDRINA)

 

Teatro-danza drammatico in due atti, oltre a un prologo  e un epilogo.  Ipazia (Hypatia) (Alessandria d'Egitto, 370 ─ Alessandria d'Egitto, 415) stata una matematica, astronoma e filosofa bizantina, testimone dello sviluppo scientifico-astronomico del neoplatonismo. La sua fama deriva soprattutto dalla sua uccisione da parte di monaci cristiani, che l'ha fatta considerare una martire del paganesimo. L'opera racconta, nell'agone pubblico e nell'amore privato, la triste vicenda di questa grande femmina, eroina  della cultura antica. Ne rivela l'aspetto insieme di protostrega e protofemminista  che ne fece un pericolo per l'universo maschile e bigotto, afferrato dalla presunzione di essere l'unico portavoce capace della filosofia e della scienza profonde.