Caso Cogne
Home Up Le Prove Contro gl'indizi Giudizio unanime, giudizio scientifico Manzoni docet Giusta Epistemologia Dialogo con l'epistemologo Gli sbagli di Vostro Onore Peste e Corna A casaccio Absolut favor rei E' tutto sbagliato, Ŕ tutto da rifare Processo alla Giustizia Caso di via Poma Caso Barnabei Caso Karl Louis Guillen Nuovo Barnabei Pera pro Popper Gi¨ le mani dal Capro Ubi Beccaria DNA antikiller Contro indizi Contro perizia psichiatrica Dominique Green Revisione Giustizia e Investigazione Caso Fuller Caso Chiara Michail Blair Caso Meredith Convegno vs Malagiustizia Esegesi radicale Intervista Controsenso Caso Cogne Caso Claps Rubin Hurricane Carter Temi Desnuda

 

             I DADI DI TEMI (Soluzioni equoree per un presunto infanticidio).  

Spettacolo e dialogo finale con gli artisti, il pubblico   e il giudice drammaturgo Francione per analizzare il processo di Cogne.

Commedia grottesca in un atto. Nasce dall'assemblaggio di un simulacro del processo Cogne e del metodo giudiziario adottato in Gargantua e Pantagruele di Franšois Rabelais dal giudice Bridoye(ora Brigliadoca), il quale decideva le cause tirando a sorte con i dadi.

Il sistema, che riprende il tema delle ordalie (la prova della bara in Vespertiliones, quella del fuoco in Merimanga, quella della terra in Ordalia degl'interrati) rientra in quella che definii ordalia del caso ovvero giudizio di Dio che rimetteva la decisione di un processo ad elementi casuali(Vedi G. Francione Processo   agli   animali - Il   bestiario    del    giudice, Gangemi, Roma 1996).

Ne deriva nell'astragalomanzia una sorta di grottesca presa in giro dei sistemi dei nostri soloni togati, i quali credono di scoprire la veritÓ con la logica astratta, dimenticando che la logica non Ŕ una ma un mostro tentacolare che disperde i giudizi nella caverna delle ombre di Platone.