Articoli
Home La tragedia dimenticata I promotori Articoli Biblioteca Teatro Film TV I Martiri I Testimoni Treno 8017 Webprocesso Spoon River 8017 Ballata dell'8017 La stazione Galleria delle Armi Il Tempio della Luce Monumenti e Lapidi Treno della Pace 8017 Friends News Comitato pro Memoria Convegni Contatti

 

L'Ordine
Corriere della Sera
New York Times
The Times
La Stampa
Il Giornale d'Italia
Risorgimento
Gazzetta del Mezzogiorno
Il Gazzettino
Corriere  di Salerno
Il Nuovo
Il Mattino
Diario
Il Saggio
Liberazione
La Tofa
Successe oggi
L'Europeo
Telesanterno
Il Cingolo
Il Fatto Quotidiano
Una tragedia dimenticata
Titanic ferroviario
Nuove Proposte
Gazzetta del Mezzogiorno
Dossier Balvano 1944
Tutto E'
Il Mattino

 

Qui soprattutto articoli  intervenuti sulla tragedia subito dopo il disastro.

Una notazione da fare che le notizia a quel tempo erano sottoposte a  censura come si rileva dallo studio che Valerio Castronuovo e Nicola Tranfaglia hanno condotto sulla La stampa italiana dalla Resistenza agli anni Sessanta (Laterza Bari 1980) 

 A pagina 172 si dice chiaramente che "in fatto di informazioni il Quartier generale alleato si pone compiti di censura, di controllo e di propaganda. Questi compiti sono affidati ad un reparto militare speciale denominato PWB, Psycological Walfare Branch, letteralmente Branca per la guerra psicologica, i cui quadri sono formati in prevalenza da giornalisti inglesi e americani, alcuni dei quali conoscono l'Italia per avervi lavorato prima della guerra".

( rip. da  Mario Restaino.  Un treno, un'epoca: storia dell'8017, p. 73),